OcchioAlBlog

Proteggersi dalla riflessione solare sulla neve

Come proteggere i vostri occhi dal sole anche in montagna.

La neve è la superficie più pericolosa per la salute visiva in termini di riflessione solare. Ha un indice di riflessione di 0,82, ciò significa che riflette oltre l'80 % della luce solare.


Inoltre, con l'aumentare dell'altitudine, la protezione offerta dall'atmosfera terrestre si riduce. Questo è qualcosa a cui prestare molta attenzione, perché stare in una giornata di sole in un luogo circondato dalla neve significa essere esposti a livelli molto elevati di radiazioni ultraviolette.

Il problema deriva dal fatto che le radiazioni provengono da terra, non dal cielo. Nessuno guarda mai direttamente il sole, ma i raggi di sole riflessi nella neve raggiungono i nostri occhi.

Sciatori e snowboarder lo sanno bene e si proteggono da questo possibile danno, indossando occhiali da sole con lenti polarizzate, protezione solare con fattore alto e protezione per le labbra.

Cosa intendiamo quando parliamo di lenti polarizzate?

La polarizzazione è qualcosa che non dovrebbe essere trascurata nella scelta degli occhiali da sole: quindi è sempre meglio acquistare occhiali da sole con lenti polarizzate. Le lenti polarizzate eliminano molti riflessi e radiazioni prodotte sulla superficie , e visto che la neve è una superficie con molti riflessi, questo tipo di occhiali da sole diventa essenziale.

Quali sono i possibili problemi che gli occhi possono soffrire a causa dell'esposizione prolungata a questo tipo di radiazioni?

  • Danni alla retina: questo è il problema a cui prestare la massima attenzione. La retina ha un effetto memoria proprio come la pelle. Tutta la radiazione ultravioletta che arriva è accumulata, ciò significa che le cellule si deteriorano progressivamente e in modo irreversibile se non ci si protegge.
  • Cheratite e congiuntivite: l'eccessiva esposizione alle radiazioni provoca anche una diminuzione dell’ossigenazione della cornea, cioè il primo strato dell'occhio e il più esposto alle aggressioni esterne.
  • Cataratta prematura: la cataratta è un problema di cui il principale fattore di rischio è la radiazione UV. Questo sarebbe un problema associato a lungo termine, ma verrebbe accelerato nei casi di eccessiva esposizione al riflesso solare prodotto dalla neve.

Tutto questo non deve allarmarvi! Ma, al contrario, conoscere in modo dettagliato l’origine di questi problemi vi permetterà di vivere gli sport invernali più serenamente e in tutta sicurezza.

Come scegliere l’accessorio adatto?

Vediamo quindi quali sono le caratteristiche fondamentali da cercare quando si sceglie l’occhiale per la nostra vacanza sulla neve:

  • Forma: esistono infatti modelli di occhiali di ogni forma e dimensione, noi consigliamo di verificare sempre la vestibilità e l’adattabilità al casco.
    Per chi porta gli occhiali da vista consigliamo le maschere sovra-occhiale, nella cui montatura è possibile inserire le proprie lenti correttive.
  • Materiali: i migliori brand utilizzano il poliuretano termoplastico (detto anche TPU) dotato di alta deformabilità che impedisce l’irrigidimento a bassa temperature e presenta alta resistenza agli urti.
  • Colore: aspetto da non sottovalutare. Il nostro consiglio, nelle giornate di sole, è quello di scegliere la lente più scura possibile e, possibilmente, specchiata. Di notte invece preferite una lente trasparente e gialla, per migliorare il contrasto e la visibilità.
  • Polarizzazione: come già accennato, la lente deve assicurare la protezione dai raggi UVA-UVB e riportare la scala di protezione da 0 a 4 insieme al certificato CE (UNI-EN-ISO 1836).