Le lenti polarizzate

In molti ne hanno sentito parlare, alcuni lo sanno già, altri no. Stiamo parlando delle lenti polarizzate.

 Ma cosa sono le lenti polarizzate? E che significa polarizzate? Come funzionano? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo presidio oculistico?

Tutte domande lecite, in quanto leggendo insieme l’articolo scopriremo che sono un presidio oculistico e non come si pensa una moda.

 

Cosa vuol dire tecnicamente lenti polarizzate?

Il soggetto in questione, da trattare in prima battuta è la luce naturale, la quale si manifesta sotto forme di onde elettromagnetiche, si riflette sulle superfici che ci circondano come: acqua, asfalto, prati, neve, sabbia, superfici metalliche, ecc. che viaggiando nell’aria oscillano in ogni direzione. Dunque, non polarizzate.

La polarizzazione della luce non è altro che la modifica dell’orientamento delle onde che costituiscono la luce, quando queste entrano in contatto con una superfice piatta, capace di rifletterle, reindirizzandole in una direzione ben definita.

Il filtro polarizzante delle lenti polarizzate, grazie a una struttura a micro-rete, riduce notevolmente o elimina del tutto l’energia luminosa riflessa, principale responsabile del riflesso e dell’abbagliamento.

 

E come funzionano?

Le lenti polarizzate sono divise in due assi Quello verticale e quello orizzontale, quindi possiamo dire che la luce solare, viaggiando attraverso l’aria, lo fa attraverso l’asse verticale; e quando si riflette nel mare, sulla strada, sulla neve, inizia a viaggiare sull’asse orizzontale. “Cambia la sua polarizzazione”. Questi raggi “orizzontali” sono molto più fastidiosi dei raggi “verticali”.

Ed è qui che entrano in funzione le lenti polarizzate e la loro divisione in assi. I cristalli polarizzati sono progettati per bloccare i raggi luminosi riflessi, che altrimenti raggiungerebbero gli occhi in modo “orizzontale”.

 

Quali sono i vantaggi degli occhiali da sole polarizzati?

Il principale vantaggio è la riduzione di fastidiosi riflessi su superfici piane e trasparenti: mare, strada, neve, fiumi, piscine, ecc. le lenti polarizzate eliminano il riverbero e contribuiscono ad attenuare le percezioni virtuali (o immagini fantasma) dovute alla luce molto intensa. Di conseguenza, la visione risulta nitida e confortevole, soprattutto negli ambienti e negli spazi aperti molto luminosi. Ecco perchè chi pratica sport o attività ricreative all’aperto oppure nelle situazioni nelle quali occorre aumentare la sicurezza, come la guida dell'autovettura sono consigliate.

Gli altri vantaggi di questo presidio oculistico sono:

Protezione per gli occhi dai raggi UVA e UVB: a differenza della cute i nostri occhi non sviluppano tolleranza ai raggi UVA e UVB ma, anzi, diventano sempre più sensibili a ogni esposizione. Quindi un'eccessiva o sregolata esposizione alla luce del sole può rivelarsi dannosa per la vista. Gli occhiali con lenti polarizzate limitano e prevengono gli effetti nocivi di queste radiazioni.

Una particolare attenzione va data agli occhi dei bambini e dei ragazzi: circa l’80% dell’esposizione dell’intera vita ai raggi UVA e UVB avviene infatti prima dei 18 anni.

Ridurre l’affaticamento visivo : eliminando il riverbero, l'uso degli occhiali polarizzati contribuisce a ridurre l'affaticamento degli occhi, in quanto la vista non viene forzata a compensare l'abbagliamento e gli altri fenomeni derivanti dalla luce riflessa.

L’aumento del contrasto , rendendo elevata la definizione delle immagini, la percezione ei colori in maniera più naturale, rispetto ad una lente da sole tradizionale, che non è di default polarizzato. Maggiore luminosità in condizioni di scarsa illuminazione .

Il filtro polarizzatore può essere aggiunto sia su occhiali da sole, che da vista. Le lenti degli occhiali polarizzati possono avere diversi colori (per intenderci, le variazioni cromatiche sono simili a quelle delle lenti da sole tradizionali) ed ogni tonalità è indicata ad uno specifico scopo:

Lenti polarizzate marroni : sono probabilmente le più versatili, poiché consentono di vedere bene, dal mattino fino al tramonto, in varie situazioni ambientali;

Lenti polarizzate grigie: sono preferibili in presenza di una luce diretta e molto intensa (come nelle giornate limpide di pieno sole o quando si va a sciare in mezzo alla neve), per mantenere i contrasti puliti e definiti;

Lenti polarizzate rosa: sono simili a quelle marroni nelle caratteristiche, ma virano ad una tinta rosata;

Lenti polarizzate verdi: sono preferibili in condizioni di luminosità variabile, ad esempio, quando il tempo atmosferico è particolarmente mutevole, cioè si passa dal cielo terso a quello nuvoloso molto repentinamente e più volte nell'arco della stessa giornata. Gli occhiali polarizzati con lenti verdi sono utili anche nei casi in cui si passi da una luce intensa ad una zona poco luminosa (es. trekking in montagna).

 

In conclusione, le lenti polarizzate hanno la prerogativa di bloccare il riverbero, il riflesso e gli abbagliamenti della luce riflettente che troviamo stando all’aperto, in strada e alla guida, al mare o in barca, in montagna, nei prati, al lago, durante un’escursione ecc. Le tradizionali lenti da sole sono senz'altro ottimi filtri contro i raggi UV, ma possono non essere sufficienti a risolvere il problema di tali riflettenti. Sono consigliate a chi sta spesso alla guida, chi pratica sport o attività ricreative all’aperto per beneficiare dei vantaggi come evitare l’affaticamento visivo, aumentare il contrasto e maggiore luminosità in condizioni di scarsa illuminazione.

In ultimo, ma non per importanza, ricordiamo che le lenti polarizzate sono un presidio ottico, e prima di acquistarle, evitare il “fai da te” ma consultare un oculista che può indicarti il tipo di lenti più adatto per le proprie esigenze. Lo specialista può valutare, inoltre, la presenza di specifiche controindicazioni che possono interferire con un corretto utilizzo degli occhiali polarizzati.